Gravidanza: in Italia troppi cesarei e controlli inutili

Gravidanze eccessivamente medicalizzate e troppi parti cesarei, più di uno su tre. Sono questi alcuni dati sul parto in Italia contenuti nel Rapporto annuale realizzato dal ministero della Salute con i dati delCedap (certificato assistenza al parto) dell’anno 2014.

Il parto cesareo dovrebbe essere una procedura da adottare solo in situazioni di emergenza e che invece rischia di diventare la norma: in media nel 2014 il 35% dei parti è avvenuto con taglio cesareo, con notevoli differenze regionali. Nelle case di cura accreditate si registra tale procedura in circa il 53,6% dei parti contro il 32,6% negli ospedali pubblici. Naturalmente nelle Regioni in cui è rilevante la presenza di tali strutture le percentuali sono diverse. Il parto cesareo è più frequente nelle donne con cittadinanza italiana rispetto alle donne straniere: si ricorre al taglio cesareo nel 28% dei parti di madri straniere e nel 36,8% nei parti di madri italiane.

Per quanto riguarda i controlli medici dal rapporto emerge che nell’87% delle gravidanze il numero di visite ostetriche effettuate è superiore a 4 mentre nel 73,3% delle gravidanze si effettuano più di 3 ecografie. La percentuale di donne italiane che effettuano la prima visita oltre il primo trimestre di gravidanza è del 2,6% mentre tale percentuale sale al 11,5% per le donne straniere.

In riferimento alle amniocentesi il rapporto rileva che in media sono stati fatti 9,2 esami ogni 100 parti. A livello nazionale alle madri con più di 40 anni il prelievo del liquido amniotico è stato effettuato nel 28,31% dei casi.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su