Gran Bretagna: commissione di esperti chiede di legalizzare il suicidio assistito

Il suicidio assistito dovrebbe essere consentito legalmente ai malati del Regno Unito, pur secondo rigidi criteri. A sostenerlo è un rapporto inglese della Commission on Assisted Dying, presieduta da Lord Falconer, avvocato ed ex ministro della Giustizia.

Il rapporto, redatto dopo la consultazione di oltre 1300 persone, sostiene la necessità di modificare la legge britannica introducendo il suicidio assistito vincolato da rigide norme. Secondo la Commissione il paziente che viene ammesso a questa procedura deve essere maggiorenne e malato terminale con un’aspettativa di vita inferiore ad un anno. La sua scelta deve essere volontaria, libera da qualsiasi forma di coercizione e non viziata da alterazioni delle capacità mentali. La Commissione ritiene inoltre che i pazienti dovrebbero essere visitati separatamente da due diversi medici e suggerisce l’ipotesi che non sia il medico a somministrare il farmaco letale ma il malato stesso.

Il rapporto conclude che la legge attuale è “inadeguata, incoerente e non dovrebbe continuare ad esistere”.

Secondo Lord Falconer, “le persone che vogliono morire vengono costantemente deluse da un sistema che non offre loro alcuna protezione, mentre lascia i loro parenti a rischio di condanne penali”.  La legge attuale, sostiene Falconer “favorisce solo i malati terminali ricchi che possono permettersi di vedere i loro ultimi desideri realizzati”, andando in Svizzera in cliniche che praticano l’eutanasia legalmente.

Alla pubblicazione del rapporto hanno fatto seguito le critiche sia da parte dei sostenitori del diritto alla vita, i quali ritengono che la commissione è stata “di parte”, che degli stessi attivisti per il suicidio assistito, che considerato le norme restrittive suggerite troppo severe. La British Medical Association ha scelto di non contribuire al rapporto con le proprie testimonianze ritenendo che la maggioranza dei medici sia contraria alla legalizzazione dell’eutanasia.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su