Fumo: verso il divieto in auto con minori

Vietato il fumo nelle automobili in presenza di minori. È questo l’obiettivo del decreto al quale sta lavorando il ministro della Salute Beatrice Lorenzin  che sostiene la necessità di tele misura, “essendo ormai acclarati i danni da fumo passivo soprattutto tra i giovanissimi”.
E’ stata inoltre annunciata l’intenzione di vietare il fumo sulle spiagge, nei parchi e nei film.

Nella nota del ministero si legge anche che un’ulteriore opera di sensibilizzazione verrà fatta contro la pubblicità occulta e cercando di attivare collaborazioni su base volontaria volte a evitare la diffusione di immagini vincenti, soprattutto tra i giovanissimi, legate al consumo di tabacco e all’abuso di alcol. 

“Finalmente qualcosa si muove sul fronte della lotta al fumo” afferma il Codacons “E’ una misura che chiediamo da anni – spiega il presidente Carlo Rienzi – I rischi per i minori derivanti dall’inalazione di fumo passivo sono elevatissimi, ancor di piu’ se si fuma in spazi ristretti come un’automobile.
Accendere una sigaretta in auto porta i livelli di polveri con peso molecolare 1 (PM1) e 2,5 (PM2,5) a 1.000 microgrammi per metro cubo d’aria, trasformando l’abitacolo in una camera a gas”.

“Si deve arrivare in tempi stretti a vietare il fumo nelle automobili in presenza di minori, e subito dopo occorre lavorare per giungere a divieti in altri spazi pubblici, come parchi e spiagge, in modo da garantire una reale tutela ai non fumatori – aggiunge Rienzi – Ma ciò che veramente servirà sono i controlli sulle strade: introdurre regole e divieti e non essere in grado di farli rispettare, equivale a non aver fatto nulla per la salute dei cittadini”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su