Fumatori: per 1 su 5 alcune sigarette sono meno dannose

Sebbene in molti Paesi le diciture come ‘light’ sui pacchetti siano state vietate, molti fumatori nei Paesi occidentali continuano erroneamente a ritenere che alcune marche di sigarette siano meno dannose per la salute rispetto ad altre. A rivelarlo è una ricerca, pubblicata sulla rivista Addiction, che ha coinvolto 8000 fumatori  di Australia, Canada, Regno Unito e Stati Uniti.

Circa un quinto dei fumatori ha dichiarato di credere che “alcune marche di sigarette potrebbero essere meno dannose di altre”. Si tratta di una falsa credenza diffusa in particolare negli Stati Uniti.

Dalla ricerca è emerso che i fumatori basano la percezione del rischio in base al colore del pacchetto di sigarette, credendo che le ‘silver’, ‘le gold’ e in generale quelle con il colore del pacchetto più chiaro siano meno dannose rispetto a quelle vendute in pacchetti neri o rossi.

L’origine di questa convinzione, pericolosamente falsa, può essere rintracciata nella storia dei marchi di sigarette.
Infatti, da quando in oltre 50 Paesi è stato vietato di riportare la scritta ‘light’ sui pacchetti, alcuni produttori hanno semplicemente modificato la scritta ‘light’ in ‘silver’ e ‘gold’. È il caso, ad esempio, delle Marlboro Lights che sono diventate Marlboro Gold. Una significativa percentuale dei fumatori continua pertanto a credere che le sigarette ‘silver’ o ‘gold’ siano meno pericolose.

L’indagine ha poi rivelato un altro grave equivoco secondo cui le sigarette sottili sono meno nocive e che le sigarette con il gusto aspro siano più dannose. Come ha spiegato i risultati dello studio “evidenziano il potenziale ingannevole delle marche di sigarette ‘slim’ rivolte soprattutto alle giovani donne”.

In realtà, è bene ribadirlo, tutte le sigarette comportano lo stesso livello di rischio per i fumatori.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su