La frutta secca col guscio protegge il cuore

Mandorle, noci, pistacchi. Consumare la frutta secca col guscio contribuisce a ridurre di un quarto i rischi per il cuore. È quanto emerge da uno studio condotto dai ricercatori della Harvard University, secondo i quali un consumo regolare di questi alimenti favorirebbe una minore occorrenza di patologie quali infarto, ictus e patologie coronariche.

I ricercatori hanno preso in considerazione i profili clinici di oltre 210 mila infermiere e operatori sanitari statunitensi, seguendoli nell’arco di 32 anni e raccogliendo informazioni, tramite un questionario autocompilato, in relazione a stile di vita, storia clinica ed eventuali malattie. In tale periodo sono stati registrati 14.136 casi di malattie cardiovascolari maggiori, tra cui 8.390 di malattie coronariche e 5.910 di ictus.

Sono stati riscontrati dei benefici in termini di prevenzione dei rischi per coloro che consumavano regolarmente spuntini a base di noci, mandorle, pistacchi, nocciole, anacardi o arachidi.
In particolare, chi consumava frutta secca col guscio due o più volte a settimana ha mostrato una propensione allo sviluppo di malattie coronariche o cardiovascolari inferiore rispettivamente del 23 e del 15%. Un pari ammontare di arachidi avrebbe fruttato un beneficio equivalente al 15 e al 13%. Riducendo il consumo di noci, mandorle e nocciole a una volta a settimana le percentuali passerebbero al 21 e al 19%.

“I nostri risultati – ha dichiarato la dott.ssa Marta Guasch-Ferre, nutrizionista presso la Harvard University di Boston e autrice principale dello studio – supportano le raccomandazioni sull’incrementare l’assunzione di una varietà di frutta secca col guscio come parte di un percorso alimentare salutare al fine di ridurre i rischi di patologie croniche nella popolazione generale”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su