Frutta gratis a scuola? Diminuisce il consumo di cibo spazzatura

Se a scuola i bambini hanno a disposizione gratuitamente la frutta mangiano meno cibo spazzatura e bevono meno bibite gassate. È quanto emerge da uno studio norvegese pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, secondo cui a beneficiare ancora maggiormente di questo tipo di programmi sono i bambini di famiglie con basso livello di istruzione.

“Analizzando lo status socioeconomico delle famiglie di origine – hanno spiegato gli autori – abbiamo visto che quelli con genitori con basso livello di istruzione generalmente consumavano piu’ cibo spazzatura, ma hanno anche mostrato la diminuzione maggiore”.

Lo studio della University of Agder di Kristiansand ha esaminato diverse classi contenenti in totale 1.300 ragazzi in 27 scuole norvegesi, prima nel 2001, quando nessuna aveva programmi specifici sul consumo di frutta, e poi nel 2008, quando invece 17 avevano adottato qualche piano per la diffusione del cibo sano.

Nel 2001 la media di cibo spazzatura mangiato dai ragazzi era 6,6 porzioni a settimana, che nel 2008 era scesa a 4,4. Le diminuzioni maggiori sono state riscontrate nelle scuole che avevano adottato il programma, dove il consumo è sceso fino a 1,5 porzioni alla settimana.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su