Francia: la medicina cinese entra in ospedale

La sanità francese apre le porte alle medicine complementari e tra queste si fanno largo negli ospedali anche le cure nate e sviluppati in Cina, sinora disponibili esclusivamente a pagamento presso i privati.  L’apertura alle medicine complementari fa parte di un disegno di aggiornamento quadriennale che sarà portato a termine nel 2014.

La scorsa settimana gli ospedali riuniti di Francia hanno siglato una partnership con il ministero della Salute della Cina, per lo sviluppo di scambi bilaterali di medici e ricercatori con l’obiettivo principale di sviluppare lo studio e l’applicazione della medicina cinese. L’unica condizione è che si tratti di prodotti e pratiche che rispettino le regole di efficacia e sicurezza contenute negli standard sanitari dell’Occidente.

Negli ospedali dell’assistenza pubblica (Assistance publique-Hôpitaux de Paris, AP-HP) sono attualmente in fase avanzata 9 progetti sull’uso delle cure complementari e sono ben 15 le discipline ‘alternative’ che ormai affiancano le terapie ordinarie in diversi ospedali. Tra queste vi è l’agopuntura, testata in alcuni reparti di ginecologia, in reparti per la terapia del dolore e di oncologia, per la riduzione degli effetti della chemioterapia.

Nelle strutture pubbliche della Francia trovano poi spazio la chiropratica, l’ipnosi e varie specie di massaggio. L’ipnosi, in particolare, è sempre più utilizzata nei reparti specializzati per le cure palliative del dolore, ma negli ultimi tempi vi fanno ricorso anche in pedopsichiatria.
Già da molti anni l’omeopatia è largamente diffusa in Francia nel servizio sanitario nazionale.

Attualmente, secondo un censimento pubblicato dal quotidiano Le Figaro, sono 23 i praticanti di medicine complementari negli ospedali di Parigi, ai quali si aggiungono 9 ostetriche.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su