Figlio disabile rinchiuso in garage: arrestato un 56enne a Roma

Per trascorrere la serata al bar della zona, un 56enne romano ha rinchiuso nel garage il figlio, un ragazzo di 23 anni affetto da gravi turbe mentali. È successo nella tarda serata di ieri a Vitinia (Roma).

Secondo la ricostruzione dei carabinieri l’uomo, separato da tempo dalla moglie, ha rinchiuso il figlio nella rimessa adattata maldestramente in abitazione e tenuta in pessime condizioni, considerata anche la presenza al suo interno di un cane di grossa taglia.

Lasciato nel garage, il giovane ha iniziato ad agitarsi e a distruggere gli oggetti che lo circondavano. Preoccupati dai forti rumori, i vicini hanno avvisato i carabinieri che hanno trovato il ragazzo in una totale situazione di abbandono.

Il padre è stato arrestato dai Carabinieri del servizio radiomobile di Ostia con le accuse di abbandono di incapace, sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia. Il ragazzo è stato affidato alla madre.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su