Farmaci: nel 2013 oltre un milione di reazioni avverse in Ue

Nel 2013 sono state segnalate nell’area europea oltre un milione di reazioni avverse ai farmaci dopo la commercializzazione, il 26% in più rispetto a quanto riportato nel 2012. Il dato emerge dal secondo rapporto annuale EudraVigilance compilato dall’Agenzia europea per i farmaci (Ema) per il Parlamento Europeo. Ogni mese sono stati circa 88mila, in media, gli effetti collaterali ricevuti e valutati dall’Ema e dall’agenzie regolatorie degli Stati membri, e il maggior incremento è stato registrato all’interno dell’Area Economica Europea, con un +52% rispetto all’anno precedente.

Questo grazie, come sottolinea l’Ema, alla maggiore consapevolezza nell’opinione pubblica sul segnalare questi episodi e anche alla nuova legislazione europea sulla farmacovigilanza, che ha introdotto la segnalazione diretta da parte di pazienti e consumatori in tutti gli stati membri.

Proprio da questi ultimi, infatti, sono arrivate diverse segnalazioni, considerato che dal 2011, anno in cui è stata introdotta questa possibilità, al 2013, il numero di segnalazioni da parte degli utenti è più che raddoppiato passando da 13mila a 30mila. Le reazioni segnalate sono varie: si va dallo shock anafilattico alle convulsioni, dalla vasculite alla microangiopatia trombotica a infezioni e ascessi.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su