Farmaci omeopatici. Ministro Fazio: test sulla tossicità e una classe di registrazione

Per i farmaci omeopatici sono necessari test di sperimentazione almeno sulla tossicità. Ad affermarlo è il ministro della salute Ferruccio Fazio che nel suo intervento a Roma al ‘Margherita incontra’, un convegno dedicato proprio all’omeopatia, ha parlato della necessità di “mettere in sicurezza” questi prodotti.

Fazio ha inoltre annunciato che si sta pensando di introdurre una nuova classe nel prontuario farmaceutico per la registrazione dei farmaci omeopatici (che non saranno però a carico del Servizio Sanitario Nazionale): si tratterà della classe ”O” come omeopatici. Una direttiva europea che è stata già recepita in Italia prevede infatti la registrazione di questi medicinali.

Il ministro ha poi sottolineato la necessità di porre delle regole nel settore e ha affermato: “mi sentirei più tranquillo se i produttori decidessero di effettuare studi clinici”.

Alle parole del ministro della Salute ha risposto il presidente Omeoimprese Fausto Panni il quale ha dichiarato che le aziende omeopatiche non intendono affatto sottrarsi all’attivazione di studi osservazionali, ma piuttosto queste si sono scontrate con la resistenza dei comitati etici negli ospedali dove intendevano condurre le sperimentazioni.

Fonte: Quotidianosanità.it

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su