In arrivo i farmaci monodose: quali vantaggi?

Sì alla dose unica del farmaco (ovvero limitata allo stretto occorrente per la cura) e alla terapia personalizzata. In pratica il medico dovrà prescrivere al paziente un numero esatto di pastiglie o di fiale in base alla cura, e non più la scatola intera.  È quanto prevede un emendamento a prima firma di Giulia Grillo (M5S), che è passato nella legge di Stabilità. Al momento la novità verrà adottata esclusivamente in ambito ospedaliero mediante una tecnologia barcode (viene assegnato un codice a barre al paziente e al farmaco in dose unitaria) che permette la tracciabilità della prescrizione e della somministrazione dei farmaci.

“I farmaci – come si legge nella proposta di legge presentata il 12 dicembre 2013 – saranno conservati in armadi gestiti da un software che permette di controllare i livelli di scorta, di segnalare la data di scadenza, di gestire i ritorni di terapia, di garantire la completa tracciabilità di ogni confezione, di determinare i livelli di stock in tempo reale e di segnalare ogni possibile anomalia relativa al farmaco, confezionato in dose unitaria”.
Quella della dose unica del farmaco rappresenta una pratica già diffusa negli Stati Uniti, Canada, Germania, Spagna, Cina e altri Paesi.

Tre i principali vantaggi della dose limitata del farmaco:
– riduzione della spesa farmaceutica delle strutture ospedaliere: da questo momento in poi farmaci per due/tre/quattro o più pazienti al prezzo di una confezione.
– maggiore sicurezza nell’assunzione delle medicine
–  emancipazione da Big Pharma che nel nostro Paese è sempre riuscita a imporre confezioni da 30 compresse per una cura che ne richiede al massimo 5.

La speranza è che in futuro il provvedimento venga esteso dagli ospedali a tutte le farmacie.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su