Farmaci: nascoste informazioni importanti su alcuni studi

In alcuni studi chimici riguardanti nuovi farmaci vengono celati deliberatamente alcuni dati e ciò potrebbe mettere in pericolo la salute dei pazienti. La denuncia arriva dal British Medical Journal che esprime il timore che le case farmaceutiche possano commercializzare prodotti sui quali sono stati volutamente nascosti dati importanti nei test.

Richard Lehman della Oxford University ed Elizabeth Loder che lavora alla rivista britannica hanno spiegato che sarebbe necessaria una regolamentazione più efficace per evitare questo tipo di problemi.

I due medici chiedono la fine “della cultura della pubblicazione casuale e della divulgazione incompleta dei dati”.

La questione è stata sollevata da uno studio americano dell’Università di Yale che ha rilevato che meno della metà di 635 trial finanziati dai Sitemi Sanitari Nazionali sono stati pubblicati in una peer-reviewed, una rivista medica entro 30 mesi dal completamento del trial.

I medici e i politici in genere – ha spiegato Joesph Ross, scienziato che ha giudato lo studio – dipendono da pubblicazioni peer-reviewed per conoscere i risultati degli studi clinici. Tuttavia, numerose ricerche hanno dimostrato che i risultati degli studi spesso non vengono condivisi pubblicamente in modo tempestivo”. Da qui, dunque, la richiesta di una regolamentazione più severa.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su