Farmaci al sicuro in estate

Tenere i farmaci ad una temperatura superiore ai 25 gradi per più di due giorni può anticipare notevolmente la data di scadenza. Se nelle modalità di conservazione è poi indicato di tenere il medicinale ad una temperatura più bassa, il mancato di rispetto di tale indicazione può rendere il farmaco inefficace o addirittura pericoloso per la salute.

Alcuni farmaci assunti per il trattamento di patologie croniche (come l’insulina o la nitroglicerina) se alterati possono diventare pericolosi.

Ecco dunque dall’Agenzia Italiana del Farmaco alcuni consigli per conservare ed utilizzare correttamente i farmaci in estate.

– segnalare al farmacista o al medico qualsiasi cambiamento nella consistenza, odore o colore del farmaco e qualsiasi malessere anche lieve che può presentarsi in concomitanza con la somministrazione del farmaco.
– E’ preferibile scegliere una formulazione solida rispetto a quella liquida perché contenendo acqua questo tipo di formulazione è maggiormente suscettibile agli effetti delle alte temperature.
– Leggere con attenzione le modalità di conservazione del prodotto; laddove non siano specificate il farmaco va conservato in un luogo fresco ad una temperatura inferiore ai 25 gradi.
– In viaggio trasportare il farmaco in un contenitore termico per proteggerlo dall’eventuale esposizione alla luce diretta del sole o a temperature troppo alte. Non sistemare la borsetta dei farmaci nel bagagliaio, bensì nell’abitacolo con l’aria condizionata.
– Non estrarre i blister dalla scatola e non conservare le pillole sfuse in scatoline portapillole a meno che non siano esplicitamente destinate per il trasporto dei farmaci.
– Quando si acquistano i farmaci portarli al più presto a casa in un luogo fresco e non lasciarli in auto troppo tempo.
– Non conservare in luoghi caldi e umidi i test diagnostici con le strisce (come i test di gravidanza o quelli per valutare i livelli di zuccheri nel sangue) perché possono diventare poco affidabili.
– Evitare di tenere sotto il sole i farmaci in forma pressurizzata (spray).
– Non mischiare in una stessa borsetta blister di farmaci diversi.
– Alcuni tipi di farmaci possono provocare reazioni da fotosensibilizzazione (eczemi,dermatiti e altre manifestazioni cutanee) dopo l’esposizione al sole: è il caso di alcuni antibiotici, contraccettivi orali, antinfiammatori non steroidei (Fans), antistaminici. Leggere dunque con attenzione il bugiardino.
– Dal momento che il caldo può provocare un calo della pressione, è possibile che i soggetti ipertesi che seguono una specifica terapia abbiano bisogno di rimodulare il dosaggio dei farmaci. In questi casi consultare il medico.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su