Farmaci contraffatti: è allarme nel Sud del mondo

Aumentano i sequestri di carichi di farmaci contraffatti nei Paesi del sud del mondo dove accade spesso che medicinali di cattiva qualità provocano incidenti mortali a pazienti anche giovanissimi.

Dal 2003 al 2010 si è registrata una crescita esponenziale dei sequestri di farmaci contraffatti e substandard (di cattiva qualità), con oltre la metà dei carichi sequestrati che superano le 1000 confezioni.

A ricordarlo sono stati i medici e gli esperti che hanno preso parte ieri alla Giornata di Studio “Il problema dei farmaci substandard e contraffatti: la situazione internazionale, il ruolo dell’Italia”, promossa a Roma dalla Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit) in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità (Iss).

Nel corso del convegno è stato ribadito che per contrastare il fenomeno, non sono sufficienti iniziative che coinvolgano le dogane per limitare la contraffazione, ma sono necessari interventi che rafforzino le Autorità nazionali del farmaco dei Paesi poveri.

Emanuele Nicastri, dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, ha spiegato che il fenomeno è concentrato quasi esclusivamente nel sud del mondo, che i farmaci maggiormente contraffatti sono gli antibiotici, ma si registra anche una preoccupante crescita delle creme cosmetiche schiarenti, prodotte nel nord del mondo, esportate al sud e successivamente in parte re-importate per essere vendute agli immigrati. “Si tratta di un grave problema nei Paesi poveri, che non può essere più ignorato”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su