‘Le Iene’ denuncia: farina pericolosa per la salute

È andata ieri in onda su “Le Iene” un’inchiesta sulla “Farina pericolosa per la salute”. Firmata da Luigi Pellazza, l’inchiesta denuncia l’abitudine diffusa in diverse parti del nostro Paese di non procedere alla pulizia periodica dei silos contenenti farine e grano.

I silos sono enormi serbatoi che ogni volta che vengono svuotati dovrebbero essere puliti per evitare la formazione di muffe e batteri pericolosi. Da un filmato realizzato da ‘Le Iene’ in provincia di Parma con un operaio addetto alla sanificazione del silos emerge però chiaramente che la sanificazione dei serbatoi avviene molto raramente. L’operaio fa anche riferimento ai mancati controlli da parte dell’Asl.

Le analisi effettuate su alcune croste trovate in un silos hanno riscontrato la presenza di micro tossine dannose per la salute, annoverate tra i più potenti cancerogeni conosciuti sinora. I ricercatori hanno individuato anche il desossini- valenolo, una sostanza che produce sintomi come vomito, diarrea e gastroenteriti. Si tratta di composti pericolosissimi che rischiano di finire all’interno della pasta e del pane che portiamo a tavola.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su