Errori medici e malasanità: ‘troppe denunce’

Nel 2011 sono partite dagli studi legali 31.500 denunce contro i camici bianchi o strutture sanitarie pubbliche e private, per i presunti danni causati da ricoveri, intervento o terapie ‘sbagliate’, con una media giornaliera che sfiora gli 85 esposti al giorno. Il dato è stato diffuso dall’Ania (Associazione nazionale imprese assicuratrici) nel corso di un’audizione in Commissione Affari sociali della Camera in materia di responsabilità professionale del personale sanitario.

“Il fenomeno dell’aumento del numero delle denunce per malpractice medica nell’ultimo decennio – spiega il direttore dell’Ania, Roberto Manzato – ha riguardato molti Paesi sviluppati negli ultimi decenni. Non è un caso circoscritto al nostro Paese. Le principali cause sono una maggiore consapevolezza dei pazienti alle cure ricevute; un aumento degli importi dei risarcimenti; l’ampliamento dei casi da risarcire da parte della giurisprudenza”.

“Le conseguenze che ne sono derivate per il sistema sanitario nel suo complesso – ha aggiunto Manzato – hanno comportato maggiori costi diretti anche in termini di risarcimenti dovuti ai pazienti con relativo incremento del costo delle eventuali coperture assicurative; maggiori difficoltà nei rapporti tra medico e paziente; maggiori costi indiretti derivanti dal ricorso alla cosiddetta medicina difensiva”.
Secondo l’Ania è necessario “introdurre misure idonee a mitigare il rischio di malpractice medica al fine di contenere il livello dei costi, di renderli maggiormente prevedibili e, di conseguenza, di ampliare la disponibilità di coperture assicurative”.

Per saperne di più leggi ‘Malamedicina. Casi clamorosi di errore medico e come evitare che si ripetano’

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su