Milano: ergastolo per l’ex primario della ‘clinica degli orrori’

L’ex primario di chirurgia toracica della clinica Santa Rita di Milano, Pier Paolo Brega Massone, è stato condannato all’ergastolo nel processo con al centro le accuse di omicidio volontario per la morte di 4 pazienti e di lesioni per una quarantina di altri casi. L’ex primario della clinica Santa Rita è stato condannato anche all’isolamento diurno di tre anni, il massimo consentito.

È il primo caso in cui un medico viene condannato per omicidio volontario in inchieste sanitarie. L’ex primario di quella che fu ribattezzata ‘La clinica degli orrori’ è stato riconosciuto responsabile per tutti e quattro gli omicidi volontari che venivano contestati dai pm di Milano Tiziana Siciliano e Grazia Pradella. Brega Massone era imputato anche per una quarantina di episodi di lesioni aggravate nei confronti di altrettanti pazienti, per truffa e falso.

L’ex primario, secondo l’accusa, per ”monetizzare” i rimborsi dal sistema sanitario nazionale avrebbe eseguito interventi inutili nei confronti di 4 pazienti di età compresa fra i 65 e gli 89 anni, fino ad ucciderli.

Stando a quanto ricostruito dell’accusa, Brega Massone non ha esitato a eseguire per soldi interventi inutili e con tanto di mutilazione, senza fermarsi nemmeno di fronte a malati terminali, dimostrando di non possedere “il senso dell’umana pietà“.

L’ex primario, presente in aula al momento della lettura della sentenza, è stato immediatamente arrestato su richiesta dei pm Tiziana Siciliano e Grazia Pradella per “concreto pericolo di fuga”. Brega Massone, in particolare, avrebbe avuto ”disponibilità economiche” e una ”rete di contatti” per fuggire, forse all’estero.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su