Energy drink: in aumento i casi di avvelenamento

I casi di avvelenamento da bevande energetiche tra i bambini al di sotto dei sei anni sono in aumento. A lanciare l’allarme è la American Heart Association che ha presentato uno studio dal quale emerge che dal 2010 i casi di intossicazione da energy drink sui bambini al di sotto dei 6 anni sono aumentati a dismisura.

Le telefonate al centro antiveleni in tre anni sono state più di 5000: in quattro casi su dieci la vittima era un bambino. La causa è legata al contenuto di caffeina all’interno di queste bibite: una lattina di un energy drink può contenerne anche 150 milligrammi di caffeina, contro i 40-100 di un espresso.

Gli effetti collaterali correlati all’assunzione di queste bibite per i più piccoli sono convulsioni, agitazione, alterazione del battito cardiaco e problemi digestivi.

Il dato sulle intossicazioni, inoltre, è certamente maggiore, in quanto lo studio non ha considerato i casi giunti direttamente in un ospedale o in un pronto soccorso, né quelli sottoposti a medici sul territorio, né tanto meno quelli (probabilmente numerosi) di bambini che in seguito ai malesseri non hanno ricevuto nessuna assistenza medica.

«Gli avvelenamenti riportati dai 55 centri monitorati sono solo la punta dell’iceberg», spiega Steven Lipschultz, pediatra dell’Ospedale infantile del Michigan, a Detroit.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su