Endometriosi: quando intervenire senza rischi?

I ricercatori dell’Università Cattolica-Policlinico A. Gemelli di Roma hanno tracciato “un identikit” delle cisti dell’ovaio dovute a endometriosi facendo luce su quelle che si possono asportare senza rischi per la paziente e quelle la cui asportazione chirurgica può compromettere invece la fertilità della paziente. Condotta dal professor Antonio Lanzone, direttore di Istituto di Clinica Ostetrica e Ginecologica della Cattolica di Roma, e coordinata dal professor Maurizio Guido la ricerca è stata pubblicata di recente sulla rivista Fertility and Sterility.

Uno dei principali problemi nella cura dell’endometriosi riguarda la difficile scelta che il medico e la paziente devono fare nel momento in cui bisogna decidere se asportare una cisti ovarica endometriosica. Tale operazione potrebbe compromettere infatti la capacità riproduttiva della donna e di conseguenza, in alcuni casi, si può decidere di posticipare l’intervento o, in alternativa, provare una terapia farmacologica.

Grazie a questa nuova ricerca si è ora riusciti a delineare le caratteristiche delle cisti ovariche endometriosiche da operare e quali rischi e controindicazioni ci potrebbero essere per la paziente.

L’endometriosi interessa un numero decisamente significativo di pazienti in età fertile (15-45% della popolazione) e tra queste, la maggior parte dei casi dimostra un interessamento ovarico della malattia (il cosiddetto endometrioma).

L’endometriosi è una malattia cronica e complessa, originata dalla presenza anomala del tessuto che riveste la parete interna dell’utero, cioè l’endometrio, in altri organi quali ovaie, tube, peritoneo, vagina, intestino. Nel nostro Paese, come nel resto d’Europa, la diagnosi di endometriosi è tardiva: generalmente in Italia viene diagnosticata attorno ai 32 anni, in piena età fertile.

L’endometriosi è tra le cause della menopausa precoce. Uno studio italiano – condotto dall’équipe di Pietro Giulio Signorile, presidente della Fondazione italiana endometriosi (Fie), in collaborazione con l’Istituto dei tumori di Roma e la II università di Napoli – ha infatti dimostrato che la menopausa precoce è otto volte più frequente nelle donne affette da endometriosi.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su