Endometriosi: inquinamento ambientale tra le cause

L’inquinamento ambientale aumenta il rischio di endometriosi, menopausa precoce e infertilità. A rivelarlo è uno studio condotto dall’università di Torino, guidato da Giuseppe Migliaretti, che ha valutato l’incidenza dell’endometriosi nel Nord-Ovest d’Italia. 

I ricercatori hanno selezionato dai documenti ufficiali di dimissione ospedaliera 3.929 donne tra i 18 ed i 45 anni di età, nati e residenti in Piemonte che avevano subito un trattamento medico o chirurgico per l’endometriosi tra il 2000 e il 2005.

Dallo studio è emerso un tasso di aumento della patologia di circa il 30% in alcune zone (Piemonte meridionale e centrale) esposte a rischi ambientali collegati alla presenza di inquinanti chimici.

In Italia la diagnosi di endometriosi in Italia, così come nel resto d’Europa, è tardiva. Nel nostro Paese viene diagnosticata attorno ai 32 anni, in piena età fertile.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su