Un ecovillaggio per condividere

Monte Venere si affaccia sul lungolago sopra Maccagno, zona di turismo che dal nord Europa si affaccia in estate sui laghi della provincia di Varese. Spiagge bilingue italiano tedesche, barche a vela, happy hour con dj la sera. Ma sui monti, dopo dieci minuti di strada ripida di sassi, si sperimenta una vita fatta di condivisione e piccole scelte quotidiane.

Erano case di montagna abbandonate. Ora è un ecovillaggio. Flurina è giovane, parla cinque lingue e lo racconta ai visitatori come un punto di partenza seguito ad anni di attivismo e riflessioni. Dalla contestazione al vertice di Davos a sporcarsi le mani per riedificare, accogliere e sperimentare. Con lei altri, donne, uomini e ragazzi. Con il semplice sogno di sperimentare una vita diversa e trasformare le riflessioni, gli studi, la politica in una coerente scelta di vita.

L’ente locale è d’accordo, il progetto sembra solido e si sta studiando il contratto di concessione. Vita nuova per l’alpeggio abbandonato. All’insegna di una gentilezza del vivere che lascia piccoli segni tra le pareti di sasso o sull’erba. Per chi visita per la prima volta Monte Venere la “tenda romantica”, zanzariera trasformata in tenda canadese da cui guardare il lago a lume di candela, è un po’ il simbolo di una ricerca di politica e bellezza. L’inverno porterà i primi lavori, i ragazzi provenienti dalla ricca Zurigo hanno incontrato sul loro cammino persone che da anni sognavano di ripopolare le Valli di socialità e condivisione.

I Global Native gestiscono un ostello nella montagna a meno di un’ora di cammino. Si sono incontrati con i giovani e concreti sognatori di Zurigo. «Migranti economici, al contrario», scherzano, in fuga dalla Confederazione Elvetica. Grandi progetti, il primo dei quali è vivere con coerenza. E poi imparare a coltivare, riflettere insieme, ospitare chi si affaccia alla vita dopo anni di terapia e comunità, sperimentare forme di permacoltura, raccontare ai bambini cosa significa mungere una mucca. Per ora è una calda estate, poi arriverà l’autunno e la neve dell’inverno. Monte Venere cerca amici con cui condividere questo semplice sogno.

[Le case di montagna abbandonate di Maccagno riprendono vita in un ecovillaggio].

Fonte: valori

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su