Droghe sintetiche: boom di vittime negli Usa

Con 28.000 decessi nel 2014 il numero di morti negli Stati Uniti dovute all’uso di droghe sintetiche non era mai stato così alto. Secondo i dati del Centers for Disease Control and Prevention ogni giorno 78 americani perdono la vita per un’overdose.

Ad uccidere sono gli oppioidi, un termine generico utilizzato per definire gli antidolorifici sintetici e i farmaci di derivazione naturale da oppio, conosciuti come oppiacei, ma anche le droghe, come l’eroina. Tuttavia dal 1999 sono quadruplicate anche le morti da overdose per antidolorifici prescritti regolarmente dai medici.

Secondo gli esperti una delle emergenze è rappresentata dalla prescrizione sempre più diffusa degli antidolorifici sintetici e dei farmaci di derivazione naturale da oppio. Circa il 75% delle persone che consumano per la prima volta eroina è stato in cura in precedenza con antidolorifici che derivano da droghe sintetiche.

Nel 2014 più di 2,4 milioni di americani sono risultati dipendenti da droghe sintetiche, fra le quali l’eroina e  secondo il National Survey on Drug Use and Health, nel 2015 solo lo 0,9% di persone che avevano bisogno di avere cure o essere disintossicate da droga o alcol sono state aiutate.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su