Donne fumatrici, raddoppia il rischio di artrite reumatoide

Raddoppia nelle donne fumatrici il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide, malattia infiammatoria e invalidante che colpisce le articolazioni, i muscoli, i tendini e altri tessuti del corpo.

A sostenerlo è un nuovo studio svedese condotto dai ricercatori del Karolinska Institutet e del Karolinska University Hospital ed i cui risultati sono stati pubblicati sulla versione online di Arthritis Research & Therapy, una rivista di BioMed Central.

Lo studio ha fatto riferimento ai dati di 34.101 donne di età compresa tra 54 e gli 89 anni, delle quali 219 soffrivano di artrite reumatoide (AR). I dati raccolti dai ricercatori svedesi hanno mostrato che le donne che fumavano tra una e le 7 sigarette al giorno avevano 2,31 volte una maggiore probabilità di soffrire di questa malattia, rispetto i non fumatori.

Gli studiosi hanno inoltre rilevato che anche 15 anni dopo aver smesso di fumare, il rischio risultava quasi due volte più elevato tra gli ex fumatori che non tra chi non aveva mai fumato. Tuttavia, se si smette di fumare, il rischio va diminuendo nel tempo: dopo i 15 anni di astensione dal fumo, il rischio di artrite reumatoide si riduce del 30 per cento, rispetto a coloro che hanno smesso di fumare da un anno.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su