Dolcificanti naturali: arrivano il monk fruit e l’agave

Continua la ricerca da parte delle aziende alimentari di nuove piante da utilizzare come dolcificanti naturali. Come ha spiegato Monique Simmonds dei Royal Botanical Gardens di Kew (Regno Unito), “risultati interessanti potrebbero venire dall’agave e dall’estratto di monk fruit”.

L’agave è una pianta che ha radici lunghe e numerose, fusto breve, con rosetta di foglie carnose dotate di molte fibre. Nelle foglie è quasi sempre presente la spina apicale, a volte le spine compaiono anche lungo i margini. La fibra (detta sisal) estratta dalle foglie dell’agave sisalana è utilizzata per la costruzione di corde, cesti, cappelli, tappeti e altri manufatti artigianali. Le Agavi sono originarie delle zone tropicali e subtropicali, del continente americano, in  particolare di Indie occidentali, Messico e America Meridionale. Le loro caratteristiche ne hanno permesso l’ampia diffusione nella regione mediterranea.

Il monk fruit è un frutto di origine cinese chiamato anche luo han guo. Negli Stati Uniti sono già sul mercato dolcificanti a base di questo frutto, usato da solo o in combinazione con zucchero e stevia.

L’uso degli edulcoranti a base di Stevia, o più esattamente dei glicosidi steviolici, è stato autorizzato dall’Unione europea circa un anno fa.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su