Distacco della retina: alcuni antibiotici aumentano il rischio

L’uso di alcuni antibiotici è legato ad un rischio maggiore di distacco della retina. In particolare, secondo un nuovo studio pubblicato sul Journal of American Medical Association, ad essere sotto accusa sono i farmaci noti come ‘fluorochinoloni’ e includono la ‘ciprofloxacina’ e la ‘levofloxacina’. 
Il distacco della retina inizia con la comparsa di linee o punti sull’occhio ma può arrivare a causare cecità permanente se non è trattato chirurgicamente in pochi giorni.

Mahyar Etminan, autore principale dello studio promosso dal Child and Family Research Institute of British Columbia di Vancouver, e colleghi hanno utilizzato dati provenienti dai registri dei trattamenti oculistici del British Columbia somministrati dal 2000 al 2007.

Un totale di quasi un milione di pazienti che comprendeva circa 4.400 persone con diagnosi di distacco di retina con una media di età di 61 anni.

Dalla ricerca è emerso che uno ogni 30 pazienti con distacco di retina stava prendendo un fluorochinolone al momento della diagnosi, in particolare la ciprofloxacina. “La spiegazione più probabile  è che gli antibiotici danneggino le fibre e il tessuto connettivo degli occhi, attaccando il corpo vitreo e la retina”, concludono i ricercatori.

“Sappiamo che questi farmaci sono tossici per il tessuto connettivo della cartilagine”, ha spiegato Mahyar Etminan, autore principale dello studio promosso dal Child and Family Research Institute of British Columbia di Vancouver. “Ricerche precedenti collegano, inoltre, i fluorochinoloni ai danni ai tendini della spalla”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su