Dislessia: un’epidemia o troppe diagnosi sbagliate?

Le cifre ufficiali parlano del 5 per cento della popolazione scolastica. I nuovi casi superano i trentamila all’anno. Ma davvero la dislessia è una nuova epidemia o piuttosto le stime non rispecchiano la reale incidenza del disturbo in Italia?

Jubin Abutalebi, docente di neuropsicologia all’università del San Raffaele di Milano, ha spiegato: “Spesso arrivano alla nostra osservazione ragazzini definiti dislessici dagli insegnanti, che ad un esame approfondito si rivelano normali”.

Come spiegato in un precedente articolo, la Dislessia è un Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA) di origine neurobiologica, caratterizzato da difficoltà nella lettura, in un contesto in cui il livello scolastico globale e lo sviluppo intellettivo del soggetto sono nella norma.

Queste le caratteristiche generali:
– È presente fra il 3-5% dei bambini in età scolare;
– Quoziente intellettivo (QI) nella norma
– Livello di lettura inferiore alla media nella velocità di lettura o nell’accuratezza;
– Assenza di cause neurologiche o sensoriali;
– Persistenza del disturbo nel tempo.

I due parametri di riferimento per la diagnosi della dislessia sono la velocità di lettura (calcolata in numero di sillabe lette al secondo) e l’accuratezza (numero di errori commessi).

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su