Ue: si dimette il commissario alla salute John Dalli

Il Commissario europeo alla Salute, John Dalli, ha rassegnato ieri le sue dimissioni ai membri della Commissione Ue con effetto immediato.

Dalli avrebbe rassegnato le sue dimissioni a seguito di un’indagine aperta dall’Olaf, l’ufficio antifrode dell’Ue, sulla base di una denuncia presentata a maggio da un produttore di tabacco, la Swedish Match. Secondo l’accusa della compagnia ”un imprenditore maltese avrebbe usato i contatti con Dalli per cercare di ottenere vantaggi finanziari” dalla società promettendo di influenzare la futura legislazione Ue sui prodotti a base di tabacco, in particolare il divieto di esportare il tabacco da masticare (lo snus un tipico prodotto svedese).

In un video Dalli stesso comunica che le dimissioni di John Dalli non sono state volontarie, ma chieste dal presidente della Commissione Ue José Manuel Barroso.

Alessandro Triantafillydis, presidente di AIAB, ha così commentato le dimissioni i Dalli:
“Di lui ricorderemo l’apertura agli OGM o la riammissione delle farine animali nelle diete zootecniche, inappropriate per un Commissario Europeo chiamato a presiedere il dossier Salute e Tutela dei Consumatori. In questi anni, il Commissario ha brillato per il suo lavoro di rimozione di ogni ostacolo all’approvazione e ingresso in Europa di OGM.

Auspichiamo pertanto che lasci il suo posto a chi sia realmente interessato alla salvaguardia della salute pubblica e possa divenire davvero un punto di riferimento per quell’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) che vogliamo indipendente e scevra da quella vicinanza all’industria che ha costretto Dalli alle dimissioni”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su