Diabete in drammatico aumento nel mondo

Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il numero di persone con diabete è passato da 108 milioni nel 1980 a 422 milioni nel 2014. E il  numero è destinato ad aumentare sino a 642 milioni nel 2040, secondo le attuali stime dell’International Diabetes Federation.

“Il numero di persone che muoiono ogni anno a causa o anche a causa del diabete è di poco inferiore al numero di persone che muoiono a causa del cancro (circa 130 mila rispetto a 160 mila)” – afferma Enzo Bonora, presidente della Fondazione Diabete Ricerca onlus – Di questo non c’è sufficiente percezione e la conseguenza è un’insufficiente determinazione nella lotta alla malattia”.

Nel mondo otto donne su cento soffrono di diabete, malattia in costante espansione soprattutto nei paesi a basso e medio reddito. Proprio alle donne è stata dedicata quest’anno la Giornata Mondiale del Diabete, che ci è celebrata ieri in tutto il mondo.

“Hanno un maggior rischio cardiovascolare associato al diabete, un rischio di coronaropatia aumentato del 44% rispetto agli uomini e un maggior rischio di ictus”, ha spiegato Giorgio Sesti, presidente della SID. Ciò potrebbe dipendere da differenze ormonali, che condizionano una diversa distribuzione del grasso corporeo e dunque da una diversa distribuzione dei fattori di rischio. Le donne con diabete, inoltre, muoiono di più sia per le complicanze micro che per quelle macrovascolari; sono più a rischio di perdere la vista per retinopatia diabetica rispetto ai maschi e hanno un rischio raddoppiato di depressione.

Inoltre, continua Sesti, “le donne con diabete tipo 2, anche a parità di cura erogata, non raggiungono i target dei fattori di rischio consigliati dalle società scientifiche al pari degli uomini, anche se le ragioni di questa disparità sono ancora oggetto di indagine”.

A causa del generale aumento di sovrappeso e di obesità, l’incidenza del diabete gestazionale è in crescita in tutto il mondo e anche in Italia dove, con gli attuali criteri diagnostici, si stima che esso si sviluppi nel 10-12% delle gravidanze. Le donne devono prestare attenzione all’alimentazione e allo stile di vita perché i dati indicano che maggiore è il glucosio basale, maggiore è il rischio di complicanze in gravidanza.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su