Diabete: allarme anche per i ragazzi

Dal 1980 ad oggi il numero di persone che soffre di diabete è più che raddoppiato, oltrepassando la soglia dei 350 milioni di malati. A rivelarlo è la rivista britannica The Lancet. Il numero di adulti colpiti dal diabete è passato da 153 milioni nel 1980 a 347 milioni nel 2008, come sottolinea uno studio realizzato da ricercatori dell’Imperial College di Londra e dell’Università statunitense di Harvard.

Il diabete – malattia cronica caratterizzata dalla presenza di livelli anomali di glucosio nel sangue – può causare malattie cardiache, infarti e, soprattutto, condizionare la salute di reni, nervi e occhi. Ogni anno il diabete è responsabile della morte di tre milioni di persone nel mondo.

“Il nostro studio mostra che il diabete si diffonde quasi ovunque nel mondo”, ha affermato Majid Ezzati, dell’Imperial College di Londra, coautore dello studio.

Il diabete , inoltre, sta diventando un problema serio anche per gli adolescenti. L’allarme giunge dal meeting dell’American Diabetes Association di San Diego, da cui emerge che sempre più ragazzi vengono presi di mira da una patologia, il diabete di tipo 2, che generalmente si manifesta dopo i 40 anni. Tra le cause principali di questo preoccupante cambiamento vi è l’aumento dell’obesità, patologia in costante aumento, soprattutto tra i più piccoli.

Si tratta di un fenomeno ormai manifesto negli Stati Uniti e dipende in gran parte da un’alimentazione troppo ricca di grassi e bevande gassate e zuccherine. Anche in Italia tuttavia si stanno evidenziando i segnali di un percorso analogo.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su