Depressione: la meditazione funziona come un farmaco

La terapia basata sulla meditazione funziona come un farmaco antidepressivo. È quanto sostiene uno studio dell’università di Oxford pubblicato sulla rivista Jama Psychiatry. La terapia della consapevolezza consiste nell’allenare il cervello ad affrontare le emozioni negative usando tecniche come meditazione, esercizi respiratori e yoga.

Anche se per alcuni questa tecnica può portare ad attacchi di panico, paranoia, delusioni o depressione, secondo questo nuovo studio, il più vasto mai condotto finora sull’argomento, la terapia cognitiva basata sulla consapevolezza (mindfulness-based cognitive therapy o mbct) aiuta le persone allo stesso modo degli antidepressivi più comuni, e non ci sono prove di effetti collaterali. Dalla ricerca è infatti emerso che le persone depresse che erano state trattate con questa terapia avevano il 31% in meno di rischio di avere una ricaduta nei 4 mesi successivi.

“Questi risultati non devono meravigliare, la ‘minduflness’ è oramai piuttostodiffusa e crescente è il numero di evidenze scientifiche in favore dei suoi effetti sull’organismo”, spiega Nicola De Pisapia, ricercatore dell’Università di Trento e responsabile scientifico di «Neocogita», azienda per lo sviluppo di applicazioni e strumenti informatici per il benessere della mente e del cervello. 

“Il meccanismo è il seguente: meditare provoca una riduzione del rimuginio, quell’attività di pensiero ripetitiva che porta a rielaborare negativamente gli eventi passati e, quando si rivolge al futuro, costringe il soggetto a pensare e ripensare senza sosta al possibile svolgimento degli eventi che verranno, preoccupandosi per le minacce che percepisce incombenti”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su