Depressione post-partum: l’allattamento al seno dimezza il rischio

L’allattamento al seno può dimezzare il rischio di soffrire di depressione post-partum.  È quanto emerge da uno studio della University of Cambridge, pubblicato sulla rivista Maternal and Child Health, il quale chiede maggiore sostegno per le donne che non possono allattare. I ricercatori hanno analizzato i dati di 13.998 nascite nel Sud-Est dell’Inghilterra.

Dai risultati è emerso che le donne che hanno pianificato di allattare al seno e che poi sono riuscite a farlo avevano il 50 per cento di probabilità in meno di soffrire di depressione post partum. Il rischio di depressione, tuttavia, è più che raddoppiato tra le donne che volevano allattare al seno ma che poi non si sono rivelate in grado di farlo. Anche se non è molto chiaro il motivo del legame tra allattamento al seno e depressione, i ricercatori ipotizzano che un contributo importante arrivi dalla mancanza di ormoni rilasciati durante la produzione di latte.

“L’allattamento al seno – concludono i ricercatori –  può aiutare le madri a rilassarsi e a ridurre lo stress, quindi potrebbe svolgere un ruolo nella prevenzione di problemi di salute mentale”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su