Crisi in Grecia: in ospedale pazienti senza cibo

Anche in Grecia gli effetti della crisi economica gravano pesantemente sul settore della sanità. Nel nosocomio Elpis, già da marzo, non vengono più forniti colazione pranzo e cena ai ricoverati: le ditte fornitrici, infatti, devono ancora ricevere i pagamenti relativi al 2011.

Si tratta di un fatto particolarmente grave per i pazienti costretti a seguire diete specifiche a causa di particolari patologie o perché in regime post operatorio, a cui neanche i parenti potrebbero provvedere, vista la caratteristica dei soggetti e delle relative esigenze in campo alimentare.

Nelle strutture del Paese mancano anche dei materiali sanitari: alcune hanno chiesto in prestito le lenzuola ad altri ospedali.

Intanto i farmacisti aspettano da oltre sei mesi dal ministero il rimborso di 70 milioni di euro anticipati per l’acquisto dei farmaci che sommati ai pagamenti degli anni precedenti fanno 6 miliardi e mezzo. A causa dell’enorme voragine che si è aperta nei conti statali, i malati di cancro hanno dovuto provvedere a proprie spese (in alcuni casi sborsando 7.000 euro al mese) per pagarsi le cure.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su