Cosenza, a rischio chiusura ospedale appena riqualificato

L’ospedale Santa Barbara di Rogliano, in provincia di Cosenza, era il più sporco d’Italia, poi è stato riqualificato ma adesso la Regione non ha soldi per mantenerlo. I lavori si sono conclusi qualche mese fa. I fondi per la sistemazione della struttura furono stanziati dall’allora governatore Aiazzo Loiero: 1,5 milioni di euro diventati in 6 o 7 anni 10 milioni. L’obiettivo era di costruire nuovi reparti con bagno in camera, un reparto per la dialisi, un apparecchio per Tac tridimensionali di ultima generazione e due nuove sale operatorie, che però stanno per essere chiuse. Non ci sono infatti  i fondi per mantenere l’ospedale aperto.

“Le sale operatorie è da un po’ che non funzionano più – hanno spiegato gli operatori del Santa Barbara -. Siamo riusciti a fare appena qualche intervento, poi le hanno chiuse. Ora neanche più le Tac riusciamo a fare perché l’anestesista che c’era è andato via e non l’hanno sostituito. Ci stanno togliendo un pezzetto alla volta”.

L’ospedale sarà riconvertito ma tali strutture dismetteranno l’erogazione di prestazioni ospedaliere, come si legge in un comunicato ufficiale della Giunta comunale presenziata dal Sindaco Giuseppe Gallo.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su