Cosa succede al cervello se stiamo troppo tempo seduti?

La sedentarietà fa male anche al cervello. Oltre ad aumentare i rischi per il cuore, le probabilità di diabete e di morte prematura, trascorrere troppo tempo seduti è collegato a cambiamenti in un’area fondamentale per la memoria.

A rivelarlo è uno studio preliminare condotto dai ricercatori dell’Università della California di Los Angeles, pubblicato su Plos One. La ricerca ha coinvolto 35 persone tra i 45 e i 75 anni alle quali sono state chieste informazioni sui loro livelli di attività fisica e sul numero medio di ore al giorno trascorse seduti nella settimana precedente alla ricerca.

Ciascuno dei partecipanti è stato quindi sottoposto a una risonanza magnetica ad alta risoluzione, che ha fornito un esame dettagliato del lobo temporale mediale, regione chiave del cervello implicata nella formazione di nuove memorie. L’analisi dei risultati ha permesso di verificare che un comportamento sedentario prediceva l’assottigliamento del lobo temporale mediale. Peraltro l’attività fisica, pur se a livelli elevati, non riesce a compensare gli effetti dannosi dello stare seduti per periodi prolungati.

L’assottigliamento del lobo temporale mediale può essere un precursore del declino cognitivo e della demenza in adulti di mezza età e anziani. Pertanto, ridurre il comportamento sedentario potrebbe essere un possibile obiettivo per interventi progettati per migliorare la salute del cervello nelle persone a rischio di Alzheimer.

I ricercatori intendono ora seguire un gruppo di persone per una durata maggiore, per capire anche quale ruolo potrebbero avere il genere, la razza e il peso nella salute del cervello in relazione alla sedentarietà.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su