Corruzione: rinviato a giudizio il colosso Novartis

Il parlamento greco ha rinviato a giudizio il colosso farmaceutico Novartis per sospetto versamento di mazzette ad alti responsabili politici, tra il 2006 e il 2015. I deputati di Atene hanno stabilito che una commissione parlamentare ad hoc non era adatta ad esaminare il caso e hanno rinviato il dossier ai tribunali.

Dato che l’istruttoria citava nomi di ex capi di governo e ministri, in base alla costituzione il parlamento greco lo scorso febbraio aveva deciso di creare una commissione d’inchiesta per far luce sulla vicenda.

Secondo testimoni protetti dalla giustizia,  l’azienda farmaceutica svizzera avrebbe corrotto responsabili politici e medici per dominare il mercato con autorizzazioni di accesso veloci e per poter mantenere alti i prezzi dei propri medicinali. Novartis avrebbe pagato tangenti per 50 milioni di euro, provocando nel decennio in questione uno sperpero di fondi pubblici di circa 3 miliardi di euro.

Fra i presunti corrotti figurano l’ex premier conservatore Antonis Samaras, il commissario europeo alla Migrazione Dimitris Avramopoulos e il governatore della Banca di Grecia Yannis Stournaras. A questi si aggiungono altri sei ministri o viceministri. Tutti negano gli addebiti, parlano di diffamazione e accusano il governo di sinistra di Alexis Tsipras di volere sviare l’attenzione dalla crisi finanziaria in cui versa il Paese. Novartis oha ribadito di lavorare in collaborazione con le autorità per chiarire la questione e ha precisato di avere avviato un’indagine interna.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su