Confettura di albicocche al rosmarino

Per 1 barattolo • Preparazione: 20 minuti + almeno 4 ore di ammollo

Questa confettura accompagna bene il gelato e il muesli, ma io la preferisco nel suo utilizzo tradizionale: spalmata su cracker o pane tostato! E preferisco che la consistenza resti abbastanza grossolana.

Ingredienti
250 g di albicocche secche
1 rametto di rosmarino
½ limone
1–1 ½ cucchiaio di sciroppo d’agave

Preparazione
1. Lasciare in ammollo le albicocche per almeno 4 ore, preferibilmente dal giorno prima per tutta la notte. Prima di continuare la preparazione, scolare l’acqua e conservarla.

2. Tagliare grossolanamente i frutti con un coltello grande e schiacciare i pezzi con la forchetta, fino a ottenere la consistenza desiderata per la confettura.

3. Staccare gli aghi di rosmarino dal rametto e tritarli finemente. Spremere mezzo limone. Mescolare il rosmarino tritato, il succo di limone e lo sciroppo d’agave con le albicocche schiacciate. Trasferire il composto in un barattolo di vetro con tappo a vite e richiudere bene. La confettura si conserverà in frigorifero per 4-5 giorni, purché si abbia cura di prelevarne le dosi desiderate utilizzando sempre un cucchiaio pulito.

Consiglio
Per far rinvenire le albicocche secche, metterle in una ciotola, ricoprire a filo d’acqua, coprire la ciotola con un piatto e mettere in frigorifero la sera prima di andare a dormire. L’acqua di ammollo può essere utilizzata per dolcificare succhi di frutta e frullati, quindi si consiglia di non gettarla via quando si scolano le albicocche. Albicocche e limone si abbinano egregiamente con 1 cucchiaio di succo di mandarino spremuto al momento, che conferisce alla confettura una gradevole nota esotica.

Ricetta tratta dal libro “Crudo è sano. 100% vegano! Le gioie della cucina crudista!” di Anat Fritz

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su