Concorsi truccati: indagati a Firenze 14 professori di medicina

A Firenze 14 professori universitari sono indagati per presunte alterazioni nei concorsi per le cattedre in medicina. Gli indagati, secondo quanto pubblicato da alcuni quotidiani, hanno ricevuto gli avvisi di garanzia ed una convocazione dal gip perché nei loro confronti pende una richiesta di interdizione presentata dal pm titolare dell’inchiesta.

Al centro delle indagini ci sarebbero i concorsi sia per i professori che per i ricercatori. Dalla prima settimana di febbraio si terranno gli interrogatori davanti al gip.

I reati contestati sono abuso d’ufficio e turbamento del procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto del bando, articolo 353 bis del codice penale. Condotta dalla Guardia di finanza, l’indagine è partita da un esposto di un professore associato che ha più volte denunciato violazioni sui bandi.

Un’inchiesta simile nel settembre del 2017 condotta dal pm Paolo Barlucchi, investì i ‘baroni’ del diritto tributario.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su