Colesterolo e glicemia: una mela al giorno abbassa il rischio

Il consumo di mele e pere è associato ad una riduzione del rischio di diabete di tipo 2 e colesterolo alto. E’ quanto emerge da una recente revisione, pubblicata su Food and Function, che ha preso in considerazione cinque grandi studi osservazionali (complessivamente su più di 228.000 soggetti).

L’effetto benefico delle mele è da attribuire al contenuto di polifenoli, che potrebbero da un lato contribuire a ridurre il rischio di diabete tenendo sotto controllo la glicemia grazie alle loro capacità antiossidanti ed antinfiammatorie; dall’altro nel contenuto di fibra solubile, come la pectina, che può ridurre la risposta glicemica indotta dal pasto.

Quali varietà di mele sono più efficaci nel ridurre il rischio di diabete e colesterolo alto?

A questa domanda ha cercato di rispondere un gruppo di ricercatori italiani con due studi, uno in vitro, l’altro in vivo. Nel primo, pubblicato su Food Chemistry, i ricercatori hanno osservato che estratti di polifenoli ottenuti da mele di diverse varietà (Annurca, Red Delicious , Pink Lady, Fuji e Golden Delicious) inibivano in modo differente l’assorbimento di colesterolo e di glucosio. Nel caso del colesterolo, gli estratti di polpa delle mele Annurca erano i più efficaci, mentre per il glucosio i più efficaci erano gli estratti delle bucce delle Red Delicious.

L’altro studio, recentemente pubblicato su The Journal of the Science of Food and Agriculture, ha coinvolto 250 adulti con moderata ipercolesterolemia. I ricercatori hanno testato l’effetto ipocolesterolemizzante di varietà diverse di mele verificando, anche in questo caso, che le Annurca erano quelle con effetti migliori.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su