“La Coca Cola fa male”: in India tassa del 5% sul consumo

L’India dichiara guerra alla Coca Cola e alle bibite gasate. Il governo del Partito del Popolo Indiano (BJP) ha infatti deciso di introdurre un’imposta del 5% sulle bevande gassate perché considerate nocive. Oltre alle bevande gassate contenenti zucchero, sono state tassate anche le sigarette, il tabacco e altri prodotti come il “pan masala”, una miscela speziata che si mastica.

Ad accogliere con favore la nuova tassa sono stati i medici allarmati dal forte aumento di obesità e di diabete. Recenti rapporti hanno infatti lanciato l’allarme sui rischi per la salute causati dalle bibite gassate.

L’India rappresenta uno dei mercati con i maggiori tassi di crescita per Coca-Cola. Qualche settimana fa, tuttavia, in uno dei suoi stabilimenti più produttivi di imbottigliamento a Varanasi, nel  Narendra, le autorità governative hanno deciso di chiudere i rubinetti di approvvigionamento dell’acqua. Lo stabilimento violava infatti palesemente i limiti di contaminazione ammissibili, sfruttando il doppio del prelievo idrico consentito.

L’eccessivo sfruttamento delle risorse idriche ha causato forti disagi ai contadini e alla comunità locali che hanno denunciato la costante riduzione delle falde acquifere e i crescenti livelli di contaminazione dell’acqua potabile.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su