Cibi pronti e rischio diabete: meglio non esagerare

Fast food e cibi pronti? Meglio non esagerare. Chi consuma due o più volte a settimana pasti pronti corre un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiache e il diabete.

A sostenerlo è una ricerca dell’Universita’ della Tasmania (Australia) pubblicata sull’European Journal of Clinical Nutrition. I ricercatori hanno studiato le abitudini alimentari di circa 1900 persone tra i 26 e i 36 anni d’età. 

Il 40% degli uomini e il 20% delle donne presi in esame mangiano due o più volte fuori casa, ma i pericoli maggiori riguardano proprio le donne. I test del sangue hanno dimostrato infatti che le signore hanno livelli di glicemia più elevati e anche una maggiore circolazione di insulina nel sangue, segno di una condizione – la resistenza all’ormone che controlla gli zuccheri – rischiosa per lo sviluppo del diabete.

Secondo le stime, un pasto take-away indiano contiene 23,2 grammi di grassi saturi, ovvero più dell’intero fabbisogno giornaliero per una donna.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su