Il parto cesareo riduce la flora batterica intestinale del neonato

Il parto cesareo influenza la formazione della flora batterica intestinale del neonato che, fino ad almeno i primi due anni di vita, presenta una flora intestinale più ristretta e meno ricca di quei batteri buoni che contribuiscono a mantenere la salute del tratto digerente e favoriscono il corretto sviluppo del sistema immunitario del bambino.

A rivelarlo è una ricerca pubblicata sulla rivista Gut da esperti svedesi del KTH Royal Institute of Technology, Science for Life Laboratory, School of Biotechnology, Division of Gene Technology di Solna, diretti da Anders Andersson.

Gli esperti hanno osservato per i loro primi due anni di vita 24 bambini, di cui una parte nati col taglio cesareo. Con prelievi ripetuti a diversi intervalli di tempo i ricercatori hanno visto che nell’intestino dei bimbi nati col cesareo mancavano alcune specie dell’importante gruppo dei Bacteroidetes che è stato collegato al corretto sviluppo del sistema immunitario. a differenza di quanto avviene nel parto naturale, col taglio cesareo il bebè non passa nel canale del parto e quindi non acquisisce i batteri materni in quantità e qualità adeguate.

A questa carenza, corrisponde invece nel sangue dei ”figli del cesareo” un eccesso di alcune molecole (chemochine) legate ad allergie e un deficit di fattori antagonisti deputati proprio a silenziare dette molecole.

La ricerca conferma dunque che quando possibile è meglio optare per il parto naturale.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su