Allenare il cervello a scegliere i cibi sani

Allenare il cervello a preferire i cibi sani è possibile. In soli sei mesi con una dieta a base di fibre, proteine e, più in generale, alimenti a basso indice glicemico può essere infatti innescato un effetto di “rieducazione” a livello cerebrale che rende reversibile il meccanismo che induce a preferire alimenti ipercalorici e poco sani. È quanto emerge da una ricerca Usa della Tufts University e del Massachusetts General Hospital, pubblicata sulla rivista Nutrition & Diabetes.

Gli studiosi sono partiti dall’ipotesi, molto diffusa, che una volta innescati nel cervello i circuiti che portano a una dipendenza dal cibo spazzatura questo processo sia irreversibile. Si è quindi cercato di trovare qualcosa che potesse invertire questa tendenza. La ricerca ha coinvolto 13 uomini e donne in sovrappeso. A otto di loro è stato chiesto si seguire un regime alimentare a base di fibre, proteine e in generale alimenti con basso indice glicemico, mentre cinque hanno proseguito a mangiare secondo le normali abitudini, fungendo da gruppo di controllo.

Su tutti i partecipanti allo studio all’inizio dell’osservazione e dopo sei mesi e’ stata effettuata una risonanza magnetica cerebrale. Dall’esame è emerso che in coloro che avevano seguito il particolare regime alimentare pensato dagli studiosi vi erano dei cambiamenti nelle aree del cervello dedicate all’apprendimento e alle dipendenze, che risultavano più sensibili ai cibi salutari e meno a quelli ipercalorici e dannosi per la salute.

“L’effetto ottenuto – ha spiegato uno degli autori dello studio, il dottor Sai Krupa Dase’ – è molto più soddisfacente di quello che si realizza nel caso di un bypass gastrico, grazie al quale si diminuisce in generale la quantità di cibo ingerita, ma non ci si educa a mangiare in modo sano”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su