Cento minuti di sport allungano la vita. Ecco i consigli per vivere più a lungo

Cento minuti di attività fisica a settimana sono sufficienti per mantenersi in salute e vivere più a lungo: il movimento, infatti, allena le cellule a disattivare i geni pro-infiammatori e ad attivare quelli della longevità. È per questo che l’attività fisica è uno dei pilastri della “Positive Nutrition,” titolo del nuovo libro di Barry Sears, biochimico americano ideatore della dieta Zona.

Oltre al movimento un ruolo essenziale è svolto dal cibo perché l’attività fisica aiuta a controllare l’infiammazione ma il cibo giusto aiuta a migliorare la performance.

Ecco quindi le sette regole dell’esperto per migliorare la qualità della vita:

1. La giusta dose di movimento. Secondo gli studi, l’ideale è praticare 3 allenamenti la settimana. In pratica, un giorno sì e uno no.

2. Rispettare l’intervello tra gli esercizi sportivi con un allenamento ad alta intensità con la massima quantità di ossigeno che i muscoli consumano al minuto, seguito da 3-4 minuti di recupero.

3. Fare allenamento a digiuno. Lo sport svolto con una scarsa disponibilità di energia aziona l’enzima della vita, l’Amp chinasi che, se attivato, sostiene la longevità. Questa molecola viene attivata proprio quando la cellula ha poca energia.

4. Oltre a praticare allenamento aerobico è importante esercitare anche la forza muscolare. Abbinare i due tipi di allenamento nell’arco della giornata o della settimana.

5. L’importanza dell’idratazione. Bisogna bere sempre e nelle giuste dosi, due litri d’acqua al giorno, anche quando non si ha sete.

7. La giusta intensità. Il fiato è un buon metro di misura dell’intensità di un allenamento. Nella prima fase di riscaldamento la respirazione non deve essere mai affannata.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su