Celebriamo la lentezza, a partire dalla colazione

Imparare a rallentare, a partire da un risveglio lento e dalla colazione. “Prenderci del tempo può aiutarci ad affrontare la giornata in modo più attivo e soprattutto sereno. Il ritmo naturale del corpo non contempla risvegli bruschi e preparazioni veloci”. È quanto spiega Paola Medde, dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, che insieme a Silvia Migliaccio, medico nutrizionista e docente dell’Università degli studi “Foro Italico” di Roma, consiglia di provare a rallentare in 7 punti, riassunti su www.iocominciobene.it, nell’ambito di una campagna sostenuta da Unione Italiana Food.

Il risveglio lento è un modo per partire col piede giusto al mattino, soprattutto in occasione della giornata mondiale che celebra la lentezza, che si celebra oggi.

“La colazionespiega Silvia Migliaccio – è indispensabile per la ripresa delle funzioni fisiche e psichiche, deve essere appagante e fornire nutrienti energetici, soprattutto carboidrati, prevalentemente complessi, che devono costituire circa il 70%. Ma anche proteine e una piccola quantità di grassi, oltre ad acqua, vitamine, sali minerali ed antiossidanti. Si possono scegliere biscotti, pane, fette biscottate, o muesli, con latte o un vasetto di yogurt, e una porzione di frutta di stagione”. Molto importante è mangiare con calma, facilitando la digestione.

Come fare? Basta cambiare gradualmente, anticipando l’orario della sveglia e preparando la tavola in modo che stimoli l’appetito. La mattina, inoltre, è il momento migliore per parlare, con il partner e con i cari, degli impegni che ci attendono, oltre che l’occasione per riflettere e pianificare. Uno stile di vita più lento può prevenire o rallentare cambiamenti conseguenti all’invecchiamento: allungare la colazione può portarci poi ad aggiungere frutta, aumentando “fibre, vitamine A e C, antiossidanti quali polifenoli, importanti contro i radicali liberi”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su