Anziani, la carenza di ferro aumenta il rischio demenza

L’anemia negli anziani aumenta le possibilità di sviluppare demenza. A sostenerlo è uno studio della University of California a San Francisco e pubblicato sulla rivista Neurology. Tra le possibili cause secondo gli autori della ricerca potrebbe esserci il carente apporto di ossigeno al cervello, che viene proprio trasportato dal ferro.

La ricerca ha coinvolto per 11 anni 2500 anziani. L’anemia, ovvero la carenza di ferro nel sangue, è un problema molto comune in età anziana e interessa oltre un over 65 enne su cinque.

All’inizio dello studio 393 anziani erano risultati anemici. Gli esperti hanno confrontato i livelli di ferro con le diagnosi di demenza senile eseguite su un campione di riferimento nel corso degli anni. Dai dati raccolti è emerso che avere l’anemia aumenta il rischio di ammalarsi di demenza del 41%.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su