Tumori: il cancro al polmone sarà il primo killer delle donne

Intorno alla metà del decennio il cancro al polmone potrà superare il cancro al seno come prima causa di morte per tumore tra le donne europee. È quanto è emerso da una nuova ricerca condotta dai ricercatori dell’Istituto Mario Negri, dell’Universita’ degli Studi di Milano e dell’Universita’ di Losanna, pubblicata sulla rivista Annals of Oncology.

I tassi di mortalità per cancro ai polmoni continuano a salire nelle donne in tutti i paesi, mentre diminuiscono quelli per tumore alla mammella.
“Se queste tendenze opposte per la mortalità da tumore al seno e al polmone nelle donne dovessero continuare – ha spiegato Matteo Malvezzi, del’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e primo autore dello studio – nel 2015 il cancro al polmone diventerà la prima causa di mortalità per cancro in Europa”.

Una situazione, spiega Malvezzi, che “si è già verificata nel Regno Unito e in Polonia, i due paesi con i tassi di cancro al polmone più elevati”. “L’aumento di mortalità per cancro al polmone per le donne nel Regno Unito – spiega Malvezzi – riflette la maggiore prevalenza di giovani donne fumatrici alla fine degli 1960 e negli anni 1970, forse a causa dei cambiamenti negli atteggiamenti socio-culturali in quel periodo. Tuttavia, oggi nel Regno Unito e nel resto d’Europa meno giovani donne fumano e, di conseguenza, le morti per cancro ai polmoni potrebbero iniziare a stabilizzarsi dopo il 2020 con una mortalità di circa 15 per 100.000 donne”.

“Il messaggio chiave per i governi dell’UE – ha spiegato Carlo La Vecchia, Capo del Dipartimento di Epidemiologia e docente all’Università Statale di Milano, autore e responsabile dello studio – e’ la lotta contro il fumo, in particolare tra gli uomini e le donne di mezza eta’, cioe’ le generazioni di europei maggiormente esposti al fumo. Se si riuscisse ad aiutare e incoraggiare piu’ persone a smettere di fumare, o a dissuaderle dal cominciare, in Europa si potrebbero evitare centinaia di migliaia di morti per cancro ogni anno. Altre misure di prevenzione sono il controllo dell’abuso di alcolici e del sovrappeso, cosi’ come l’ottimizzazione della diagnosi e del trattamento del cancro. La maggior parte di queste misure sono attuabili in tutti i paesi dell’UE”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su