I cambiamenti climatici provocheranno 250 mila vittime l’anno

Tra il 2030 ed il 2050 i cambiamenti climatici provocheranno ogni anno fino a 250 mila vittime. A lanciare l’allarme è l’Organizzazione mondiale della Sanità, nei giorni in cui a Parigi è in corso la COP21, la ventunesima Conferenza delle Parti sui cambiamenti climatici.

“La salute è un elemento centrale e imprescindibile del dibattito in corso, ridurre le emissioni significa ridurre l’incidenza di malattie e la mortalità dovuta all’inquinamento” ha affermato Flavia Bustreo, vice direttore Generale Oms.

I rischi indiretti per la salute delle persone nel lungo periodo saranno superiori alle dirette conseguenze di disastri naturali come alluvioni, inondazioni o incendi. Il deterioramento delle condizioni igieniche, il limitato accesso all’acqua potabile e l’interruzione dell’accesso ai servizi sanitari, la diminuzione della produzione di cibo nelle regioni più povere, aumenteranno la diffusione di malnutrizione, diarrea, malaria e altre malattie prevenibili.

L’Oms stima 38 mila morti in più dovute ai colpi di calore tra gli anziani, 48 mila alla diarrea, 60 mila alla malaria – che approfitterà dell’accresciuto habitat naturale per le zanzare portatrici dei patogeni – 95 mila alla malnutrizione infantile.

L’aumento delle temperature, oltre alle morti causate dalle ondate di calore, determina l’innalzamento del livello di ozono e altri inquinanti nell’aria, con effetti sulle malattie respiratorie, a partire dall’asma, e cardiovascolari. L’aumentata variabilità delle piogge, inoltre, avrà effetti sull’accesso all’acqua potabile. Senza acqua aumenta il rischio di malattie diarroiche, che già attualmente uccidono 760 mila bambini ogni anno sotto i 5 anni. La siccità inoltre, porta a una diminuzione della produzione di cibo, con conseguente malnutrizione.

L’inquinamento dell’aria ogni anno provoca 7 milioni di morti prevenibili. Si stima che interventi concreti atti a ridurre le emissioni di inquinanti atmosferici di breve durata, come raggiungere standard più alti in termini di efficienza e di emissioni dei veicoli, salverebbe approssimativamente 2,4 milioni di vite all’anno e ridurrebbe il surriscaldamento globale di circa 0.5 grandi entro il 2050.

La protezione della salute deve essere pertanto una priorità nell’impegno globale contro i cambiamenti climatici. “Ci auspichiamo – ha aggiunto Flavia Bustreo – che i negoziati garantiranno un ruolo centrale della salute all’interno dell’accordo così come nelle azioni che ogni Paese è chiamato a mettere in atto”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su