Cambiamenti climatici: a rischio la salute di milioni di persone

I cambiamenti climatici stanno provocando oltre 60mila morti ogni anno a causa dei disastri naturali, che sono più che triplicati dal 1960. E’ questo l’allarme lanciato dall’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) che parla di milioni di persone a rischio salute a causa dei mutamenti del clima.

“Il colera, la malaria e la dengue sono malattie infettive molto sensibili alle mutazioni del clima – spiegano gli esperti dell’Oms – Eventi come le ondate di calore e inondazioni, effetti delle trasformazioni dell’ambiente dovute all’impatto industriale, causano ogni anno decine di migliaia di morti”.

Secondo Maria Neira, direttore del Dipartimento di Sanita’ Pubblica dell’Oms “l’inquinamento atmosferico nel 2012 e’ stato responsabile per 7 milioni di morti, uno su 8 di tutti i decessi a livello mondiale”.

“I poveri, le persone svantaggiate e i bambini sono tra coloro che soffrono il peso maggiore degli impatti legati al clima e le malattie conseguenti, come malaria, diarrea e malnutrizione”, spiega Flavia Bustreo, direttore generale del settore Famiglia dell’Oms. “Le soluzioni esistono – conclude Margaret Chan, direttore generale dell’Oms – e dobbiamo agire con decisione per cambiare questo corso”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su