Calo delle iscrizioni in palestra. Italiani sempre più pigri

Gli italiani? Sempre più pigri e sedentari. Aumenta infatti il numero dei connazionali che non praticano sport: a settembre, mese in cui notoriamente si riprende l’attività fisica, si sta registrando rispetto allo scorso anno un calo del numero di iscrizioni a circoli sportivi e palestre di circa il 25%.

Secondo Paolo Adami, presidente della Federazione italiana aerobica e fitness (Fiaf), il dato non è dovuto soltanto alla pigrizia degli italiani ma è legato anche a ragioni economiche.

“Inutile prendersi in giro, il morso della crisi economica si fa sentire – ha spiegato Adami all’ Adnkronos Salute – È già da qualche anno che si registra a macchia di leopardo un trend al ribasso, ma quest’anno – al momento – sembra più considerevole. Naturalmente c’è anche chi rinuncia perché non motivato o perché non raggiunge i risultati sperati”.

Le palestre italiane negli scorsi anni contavano circa 6 milioni di iscritti, anche se al riguardo non sembrano esserci dati certi. “Si tratta – ha spiegato Adami – di un calcolo non di primo livello, frutto della moltiplicazione del numero delle palestre (circa 8 mila) per la media degli iscritti, che vanno dai 150 ai 3 mila soci a palestra”.

D’altra parte è pur vero, come ha spiegato Adami, che alcuni pur abbandonando la palestra, praticano attività fisica per proprio conto. Risulta infatti in aumento il numero delle persone che va a correre nei parchi pubblici o quello di chi va in bici.

In ogni caso secondo Adami, la contrazione delle iscrizioni in palestra non rappresenta un buon segnale per la salute degli italiani. “È dimostrato scientificamente – spiega – che l’attività fisica è una delle componenti principali, insieme all’alimentazione, di un corretto stile di vita. Sono due questioni imprescindibili”.

L’allarme sulla sedentarietà degli italiani era stato lanciato anche il Rapporto Osservasalute 2010 . “La pratica sportiva – si legge nel Rapporto – ha interessato solo meno di un terzo della popolazione, mentre 4 italiani su 10 hanno dichiarato abitudine sedentarie. I livelli di attività fisica stanno diminuendo soprattutto tra i giovani: in Italia, solo 1 bambino su 10 fa attività fisica in modo adeguato per la sua età e 1 bimbo su 2 guarda la televisione o gioca con i videogiochi per più di 3 ore al giorno”.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su