Bullismo: una famiglia su due segnala episodi verso i figli

Secondo i dati Eurispes il 50% delle famiglie segnala episodi di bullismo o microbullismo nelle classi dei figli. Tra i diversi tipi di ‘prepotenze’, il 28.7% riguarda offese verso un solo alunno, il 25.9 % scherzi pesanti o offese, quasi il 25% l’isolamento o l’esclusione dal gruppo. Per oltre il 21% si parla di percosse e di furti. Quasi il 6% denuncia la diffusione di video umilianti e insulti via sms o mail. Lo scenario privilegiato per gli episodi di bullismo è prevalentemente la scuola: il 51.8% degli episodi avviene in classe, mentre il 52% avviene in luoghi meno sorvegliati, come palestre e corridoi.

Tra le nuove frontiere del bullismo, il cyberbullismo, termine che indica atti di bullismo e di molestia effettuati tramite mezzi elettronici (mail, cellulare, siti web). Da un report messo a punto dal  Corecom e dal difensore civico dell’Emilia-Romagna sull’uso sicuro del cellulare e di internet con interviste a 2.000 studenti tra i 14 e i 18 anni in 24 scuole di quattro province (Bologna, Ferrara, Piacenza e Rimini) è emerso che il 30% degli intervistati conosce il bullismo elettronico perchè è capitato a un amico, il 9% perchè lo ha subito, il 18% perchè gli è stato raccontato, l’8% ne ha sentito parlare da tv o web, soltanto il 32% non sa cos’è.

Degli episodi che i ragazzi conoscono, il 13,9% si è verificato a scuola, il 59% lontano dalle aule, il 26% tanto a scuola che fuori. Generalmente viene colpita una sola persona (85% dei casi), più facilmente se femmina e vengono usati gli sms o le chat per mandare messaggi violenti, volgari o mirati a rovinare la reputazione. I ‘persecutori’ sono prevalentemente maschi e nel 38% sono compagni di classe, oppure amici (20%), nel 18% ex ‘fidanzatini’. Soltanto il 15% dei ragazzi che subiscono cyberbullismo non lo dicono a nessuno. Il 52% ne parla con gli amici, il 24% coi compagni, il 28% coi genitori; solo il 7,4% con i professore. Il 50% affronta direttamente il ‘molestatore’, il 13,7% cambia numero, il 13,6% chiude il blog o il profilo, il 18% cambia compagnia, il 14,8% rompe amicizie importanti, solo il 38,6% ignora la cosa aspettando che passi.

Ti è piaciuto questo articolo?
Iscriviti gratuitamente alla newsletter e riceverai periodicamente i nuovi articoli pubblicati

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su